“Follia” – di Patrick McGrath

Autore: Patrick McGrath
Traduttore: Matteo Codignola
Genere: Romanzo psicologico
Anno edizione: 1998
Casa editrice: Adelphi

Follia è un romanzo psicologico dal forte carico emotivo, di quelli che ti trascinano nel fulcro della storia facendoti sfogliare pagina dopo pagina senza accorgerti di essere arrivato alla fine.

La storia è ambientata in Inghilterra nel 1959, in un manicomio criminale nei pressi di Londra, vicino al quale si è appena trasferita la famiglia Raphael: Max, uno psichiatra che ambisce a diventare il direttore dell’ospedale, Stella moglie elegante e raffinata e Charlie, loro figlio di dieci anni.

Tutto sembrare andare secondo i piani fino a quando Stella non incontra uno dei pazienti ricoverati nell’ospedale, Edgar Stark, ex artista internato per aver ucciso e decapitato la moglie anni prima.

Ma quello che nasce tra Stella ed Edgar è un amore potente, viscerale, ossessivo, di cui nessuno dei due sembra riuscire a fare a meno e che li porterà per un breve periodo a vivere la loro relazione da clandestini.

La vicenda è trattata attraverso il punto di vista di un altro psichiatra dell’ospedale, Peter, amico di famiglia della coppia e che avendo da tempo in cura Edgar ne conosce profondamente la storia. Proprio per questo quando fiuta l’insorgere di questa ipotetica relazione cerca di mettere in guardia Stella persuadendola dal correre un rischio simile.

Ma Stella non vuol sentire ragioni, sembra completamente risucchiata da questa relazione che non cerca in alcun modo di fermare ma anzi la coltiva e la insegue, rendendosi conto fin dai primi momenti della sua pericolosità ma accettandone consapevolmente le conseguenze.

 “… la fiducia, e la speranza e l’amore sono tali in quanto nascono e crescono a dispetto della ragione”.

Ma la cosa più sorprendente è che nessun senso di colpa o rimorso sembra scalfirla, neanche quando il suo amore sembra mettere in pericolo il rapporto con il figlio, Charlie, che si sente profondamente infelice e trascurato dalla madre. Max, dal canto suo, cerca come può di salvare il suo matrimonio, quantomeno salvaguardando le apparenze e mettendo a tacere ogni voce inerente lo scandalo.

Un amore morboso e tormentato dai risvolti tragici, che neanche dopo la forzata separazione sembra affievolirsi, un legame folle come il titolo stesso, difficile da comprendere e da giustificare anche agli occhi del lettore.

Il fascino di questo romanzo risiede non solo nella trama ma anche nello stile incalzante e persuasivo, soprattutto nel modo in cui nel corso della storia vengono fatte delle rivelazioni senza preavviso da lasciare costantemente col fiato sospeso.

Ciò che risulta difficile è affezionarsi ed immedesimarsi in Stella, ho trovato destabilizzante lasciarsi coinvolgere così tanto dalla storia senza appassionarsi in egual modo ai principali attori coinvolti, persone così apparentemente normali ma che hanno bisogno di emozioni forti, incontrollabili ed incomprensibili per sentirsi vivi.

Riprendendo una citazione di Erasmo da Rotterdam in “Elogio della Follia”:

Sono due i principali ostacoli alla conoscenza delle cose: la vergogna che offusca l’animo, e la paura che, alla vista del pericolo, distoglie dalle imprese. La follia libera da entrambe. Non vergognarsi mai e osare tutto: pochissimi sanno quale messi di vantaggi ne derivi.”

Veronica

Patrick McGrath (Londra, febbraio 1950) è uno scrittore inglese laureatosi al Birmingham College of Commerce con una laurea con lode in letteratura inglese e americana nel 1971. Il padre era uno psichiatra in un manicomio criminale nel Berkshire dove Patrick passò gran parte della propria infanzia, ma nonostante questo preferì la strada della letteratura a quella della psichiatria.

Classificazione: 4.5 su 5.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...